Dietro anime d'inchiostro - Marco Chiaravalle - La strada per Babilonia

dietro anime d’inchiostro e tessere del domino

Qualche tempo fa mia sorella ha insegnato il gioco del domino a suo figlio. Avete presente quando c’è la fila perfetta, le tessere sono sistemate e iniziano a cadere, tutte regolari fino a quella? Sì, proprio quella che interrompe il divertimento. Più o meno, questo è quello che accade a Marco Bandini, protagonista di Dietro anime d’inchiostro (click), scritto da Marco Chiaravalle ed edito da La strada per Babilonia.

Marco è uno scrittore dall’impenitente sarcasmo che ha chiuso il cassetto della fantasia e non ricorda più dove sia la chiave. Per fortuna, alcune idee sono più forti di altre e Mike, un personaggio dei suoi romanzi, riesce quindi a contattare il creatore, mettendo piede nel mondo reale. Entrambi sono esseri bloccati, e dipendono l’uno dall’altro per andare avanti.

Nella speranza di superare l’intoppo del proprio domino personale e vivere appieno la storia scritta per lui, Mike dovrà aiutare Marco a rimettere a posto quelle che sono le tessere della sua vita, in particolare quella che, sistemata male, ha bloccato tutto il resto.

Vedete, il bello di Dietro anime d’inchiostro è che non è così semplice. Prendete la tessera dell’amore, per esempio. Nel libro l’amore è Alice, a sua volta sospesa a metà e incapace di terminare il gioco. Consapevole del proprio stato, la ragazza sogna ogni volta un percorso immaginario per i propri tasselli. Così, la partita di Alice si intreccia a quella di Marco, e a suo modo anche a quella di Mike.

Credo che il nocciolo del libro sia proprio questo: vivere, come il domino, si basa su piccole spinte e liberatorie cadute. Quando la caduta si arresta, deve esserci la volontà di guardarsi indietro, sistemare la fila e di nuovo, ricominciare a spingere e cadere.
Di sottofondo, però, è lecito porsi una domanda: chi dà inizio al movimento?

In Dietro anime d’inchiostro, questa spirale di personaggi è resa coloratissima dalla penna dolce e salata di Marco Chiaravalle, che descrive puntuale la vita di ogni scrittore, di ogni sognatore: sospesa un tra la terra e le nuvole, reale faticoso e fantasia tangibile.

Esiste un piatto che come questo romanzo possa essere dolce, salato e inaspettatamente croccante?
Sì, esiste, almeno nella cucina letteraria di #readEat: si tratta della crema mou, la cui dolcezza viene prontamente contrastata dalla presenza degli anacardi salati in superficie.
Credo che mangiare sia un po’ metafora di vita, come il domino e come la storia di Marco. Portare il cucchiaio alla bocca è soltanto il principio, ma è sul palato che i vari assaggi, alternandosi, creano gusto e armonia. L’inaspettata consistenza degli anacardi sotto i denti arresta il corso della degustazione, l’accettazione di questi aiuta a mandarli giù e arricchisce di sapore il dessert.

 

credendo vides
Lo so, probabilmente è stato un azzardo parlare di domino. Neanche a dirlo, è un gioco in cui non sono troppo portata.
Tuttavia, lo spirito del blog è quello di provare esperienze nuove senza riserve, e allora se io mi avvicino al domino, voi potete guardare le cose dal mio punto di vista, aiutandovi con un elemento in più che renderà visivamente quanto ho scritto sopra!
video

ps!
è caldamente consigliato di tenere d’occhio la sezione Finger food, nei prossimi giorni. Novità in arrivo!

Lettrice compulsiva, novella editor e comprovata mangiona, abbino quel che leggo alle pietanze che cucino per un nuovo modo di vivere le letture. E tu? Vorresti che il tuo libro fosse il prossimo? Contattami!

Rispondi

Site Footer